CORSI SPECIFICI

Lezioni collettive a cadenza settimanale
Durata del corso: da Ottobre a Giugno - 28 lezioni da 2:15.

Monte ore: 60 ore (40 ore di teoria e pratica esemplificata + 20 ore di pratica/musica d’insieme)

Orario delle lezioni:Lunedì dalle 19:45 alle 22:00

Numero d’iscritti: minimo 05 - massimo 10 studenti.

Requisiti minimi: conoscenza di base del proprio strumento, livello minimo di lettura musicale e conoscenza di base della teoria tradizionale.


LET'S PLAY JAZZ

Insegnante: Gladison Zabote

Il Corso di Armonia Jazz ed Improvvisazione è rivolto a chiunque desideri intraprendere lo studio dell’armonia jazz e dell’improvvisazione jazzistica (e oltre il jazz), indipendentemente dallo strumento suonato.
E’ strutturato in lezioni collettive a cadenza settimanale.
L’obiettivo del corso è quello di fornire una adeguata conoscenza dell’armonia jazz (gli accordi, le strutture armoniche, le scale e la loro relazione con gli accordi, i centri tonali, le forme più tipiche come il Blues, la forma canzone, il Rhythm Changes) e delle tecniche di improvvisazione finalizzate ad un approccio creativo.
Nel programma di studi si alterneranno momenti teorici e pratiche, dove l’allievo avrà modo di mettere a frutto le nozioni acquisite esercitandosi con il proprio strumento.

Il programma del Corso di Armonia Jazz ed Improvvisazione è articolato su due sezioni:
A) Studio dell'armonia funzionale.
B) Applicazione dell'armonia funzionale in ambito solistico.


Le caratteristiche del punto (A) sono:
1º Modulo: Preliminari (verifica/ripasso delle conoscenze musicali di base)
• Intervalli
• Scale Maggiori
• Relazioni fra le tonalità
• Formazione degli accordi
• Conoscenza ed interpretazione delle sigle con cui si indicano gli accordi.
• Rivolti degli accordi.
2º Modulo: La tonalità maggiore
• Accordi diatonici
• Le funzioni armoniche degli accordi
• Il Tritono e le sue risoluzioni
• Dominanti primarie
• Dominati secondarie
• II - V (Primario e Secondarie)
• La sostituzione al tritono.
• Gli accordi semidiminuiti (m7b5)
• Modi Greci (relazioni tra gli accordi diatonici)
3º Modulo: La tonalità minore
• Scale minori (naturale, armonica e melodica)
• Accordi diatonici
• V e II-V Secundário
• Accordi Diminuiti
• L’origine dell’accordo di dominante sostituto
4º Modulo: Interscambio Modale ed altri elementi
• Prestito Modale in tonalità maggiore
• Prestito Modale in tonalità minore
• Accordi di struttura dominante però senza funzione dominante
• Dominanti in “caduta”
• Modulazione
• La scala blues
• La scala pentatonica
• La scala semitono-tono e sua relativa applicazione
• La scala tono-semitono e sua relativa applicazione
• Scala super locrian
• La scala be-bop
• La scala esatonale.
• L’accordo di quarta sospesa.
• Accordi alterati
• Il pedale.
• Il polychord.
• Sostituzione di accordi.

Le caratteristiche del punto (B) sono:
• Esercitazioni pratiche individuali e d’assieme
• Utilizzo delle scale e degli arpeggi.
• Individuazione dei centri tonali. (improvvisazione per centro tonali)

• Forme e strutture tipiche del jazz:
- La forma canzone
- Il Blues (maggiore e minore)
- Il Rhythm and Changes
- Il Jazz modale.
• Gli Standarts
• Patterns e licks.
• Costruzione del vocabulario
• Trascrizione d’ assoli e applicazionepratiche
• Studio del 'turnaround' e del II- V- I
• Nota d'approccio
• “L’ascolto-analisi” di soli e brani significativi
• La pratica nel repertorio “non solo jazz”

Informazioni:
GLEDISON ZABOTE

SASSOFONO
CLARINETTO

Sassofonista italo-brasiliano Gledison Zabote è nato a Joinville – Brasile .
Si è avvicinato alla musica in giovanissima età, suonando inizialmente batteria e chitarra acústica.
Dall’età di 15 anni si è dedicato allo studio del sassofono che l’ha portato in breve tempo ad appassionarsi al jazz e alla musica brasiliana.
Ha studiato sassofono con Cláudio Moraes, Vitor Alcântara (Brasil) e Emanuele Cisi (Italia)
 Si è diplomato in Armonia e Improvisazione al Conservatorio Belas Artes di Joinville/Brasile sotto la guida di Cassio Moura e ha participato a vari masterclass con importanti musicisti brasiliani come Roberto Sion, Marcelo Martins, Lupa Santiago, Carlos Ezequiel, Mario Sève, Nelson Faria, Conrado Paulino, Vinicius Dorin, Léa Freire, Daniel Maudonet, Gilberto De Syllos, Arismar do Espírito do Santo ecc.
Ha collaborato con diversi musicisti brasiliani come Vinicius Dorin, Fábio Torres, Heraldo do Monte, Bob Wyatt, Arismar do Espírito Santo, Gilberto de Syllos, Arnou de Melo, Sergio Coelho, Ana Paula da Silva, Marcos Archetti, Martin Reuter ecc.
Nell’arco degli anni, ha partecipato a svariati festival della sua regione (Jurerê Jazz Festival, Joinville Jazz Festival, Festival de Música de Itajaí, Itajazz, Festival SESC  ecc.) insieme al grupo di Cássio Moura Quinteto, Heraldo do Monte, Quarteto Enraizados, Quarteto Dedo de Prosa , ecc. Nel 2010 si è dedicato ad un importante progetto: “Soprando Baixo”, insieme all’affermato bassista Arnou de Melo con il quale si è esibito in tre tour in Brasile e Argentina. Nel 2014, da questa esperienza ha registrato un álbum che porta il nome del progetto.
Nel 2011 fonda la “Joinville Jazz Big Band”, prima big band della città di Joinville.
Nell’ambito dell’educazione e diffusione musicale ha potuto sviluppare diversi progetti come :“Um Dedo de Prosa sobre o Jazz” (più di 100 concerti didattici realizzati nelle scuole pubbliche), “Impressões Musicais”, “Choro das 10”, “Choro na Estação”, “Itajazz”, “A música de nosso tempo”, “Apenas Luisiana”, “De Chiquinha a Chico”, “Tributo a Pixinguinha”, “Soprando Baixo”,ecc. Ha  insegnato sassofono nel Conservatório Belas Artes de Joinville, Casa de Cultura de Araquari e Escola de Música Arte Maior de Joinville.
Nel 2014 si è trasferito a Torino e in questo primo anno è stato invitato a suonare nel Torino Jazz Festival – Fringe. Nella estate di 2015 è andato in Brasile dove ha fatto un tour con 26 concerti insieme a “Arnou de Melo Quarteto”. Sempre con “Arnou de Melo Quarteto” ha realizzato nel 2016 un tour europeo in Italia e Spagna.
Attualmente vive a Torino dove si esibisce nella scena musicale torinese e insegna sassofono e clarinetto.
Frequenta anche il corso di laurea in sassofono jazz presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino.